Sette modi per demotivare gli insegnanti

Evitare il negativo!
di Claude Openheim | Oppenheim Education Consultants & SchoolAdvice Affiliato | [email protected]
Alcune volte il modo migliore per ottenere risultati positivi è considerare le possibilità più negative e fare il contrario. Molto è stato detto e scritto su come motivare gli insegnanti. Forse si può imparare di più pensando a come evitare il negativo. In questo spirito, qui ci sono sette modi per demotivare gli insegnanti.
Number One

Number One

NON SOSTENERE QUANDO AFFARE CON GENITORI DIFFICILI


Nelle tre occasioni in cui sono entrato in una scuola come nuovo capo, ho chiesto ai miei insegnanti cosa si aspettavano dalla loro testa. In cima alla lista c'era sempre il supporto quando sorgevano conflitti con i genitori. Troppo spesso gli insegnanti sentono, a volte con una buona ragione, che la loro amministrazione si schiera sempre con i genitori quando si lamentano di un insegnante, a volte senza nemmeno dare all'insegnante l'opportunità di raccontare il suo lato della storia. Essendo la natura umana quella che è, spesso i genitori andranno direttamente all'amministrazione piuttosto che cercare di risolvere direttamente i problemi con gli insegnanti. Gli insegnanti si aspettano che i loro amministratori facciano ogni tentativo per convincere i genitori a gestirli per primi, e vengono coinvolti solo se il genitore e l'insegnante non possono giungere a una soluzione soddisfacente.

Numero due

Numero due

Imporre richieste e riunioni amministrative eccessive.


Gli insegnanti sono estremamente impegnati nella preparazione e nella consegna delle lezioni, nella valutazione, nella supervisione e nelle responsabilità curriculari. Qualsiasi altra richiesta dovrebbe essere fatta di loro solo se veramente necessario.

In molte scuole, i rapporti dei genitori sono diventati estremamente onerosi. Spesso si prevede che le pagelle includano ampie narrative per spiegare i progressi e le difficoltà degli studenti. Mentre queste narrazioni possono essere utili nel fornire ai genitori una comprensione più sfumata, gli insegnanti non dovrebbero essere tenuti a renderli così lunghi e dettagliati che impiegano troppo tempo a scrivere senza necessariamente aggiungere molte informazioni utili.

Allo stesso modo, la tendenza a convocare riunioni non necessarie deve essere repressa. Le riunioni dovrebbero essere produttive, dedicate alla discussione di questioni di importanza generale; forgiare soluzioni collettivamente e collaborativamente e fornire consulenza a colleghi e dirigenti.

Numero tre

Numero tre

Tieni lezioni troppo grandi.


Se possibile, scegli un momento del giorno in cui un motivo chiave per cui i genitori mandano i loro figli in scuole indipendenti è l'aspettativa che le lezioni saranno significativamente più piccole rispetto alle scuole pubbliche. Ciò, a sua volta, consente agli insegnanti di prestare molta attenzione individuale ai propri figli. Quando le lezioni sono troppo grandi, gli insegnanti sono frustrati dalla loro incapacità di soddisfare le aspettative e offrire agli studenti la migliore esperienza educativa possibile. 

Numero quattro

Numero quattro

Rendi le aule inclusive senza un adeguato supporto per gli studenti.


Sempre più scuole indipendenti si sforzano di essere più inclusivi degli studenti con diversi profili di apprendimento. Questo spostamento spesso riflette la filosofia in evoluzione, dove si ritiene che un ambiente più diversificato sia un bene per tutti gli studenti. Una seconda motivazione, meno idealistica, riguarda le preoccupazioni sul mantenimento dell'iscrizione e la tentazione di accettare tutti i candidati. Tuttavia, è autolesionista iscrivere gli studenti i cui bisogni non possono essere adeguatamente soddisfatti. Non solo questo studente soffre, ma ci sarà un impatto negativo sul resto della classe se non ci sarà un supporto adeguato, e l'insegnante sarà sotto pressione e stress considerevoli da genitori infelici.

Laddove una classe includa studenti le cui capacità, stili di apprendimento, difficoltà di apprendimento e di apprendimento sono molto disparate, gli insegnanti non possono differenziare efficacemente compiti e strumenti di valutazione senza un adeguato supporto. In alcuni casi, in particolare con i bambini più piccoli, potrebbe essere necessario un assistente di insegnamento per assistere alcuni studenti nel loro lavoro e talvolta nella gestione del comportamento.

A meno che non vengano forniti supporti adeguati, le ammissioni "inclusive" si traducono in scarsi risultati e molta frustrazione degli insegnanti.

Numero cinque

Numero cinque

aule disordinate e mal mantenute


Un'aula è l'area di lavoro di insegnanti e studenti. Il loro corretto mantenimento indica che gli insegnanti e gli studenti sono rispettati. Le stanze sporche e mal mantenute inviano il messaggio opposto. Fanno anche una pessima impressione sugli attuali genitori, nonché su potenziali genitori e donatori. Quando l'edificio è stato accuratamente pulito durante l'estate, e alcuni lavori di pittura e ristrutturazione sono stati immediatamente notati e apprezzati da tutti coloro che ritornano dopo le vacanze. Investire le risorse necessarie per mantenere la struttura pulita e adeguatamente mantenuta è essenziale per la reputazione della scuola e il morale di coloro che vi lavorano e studiano.

 

Numero sei

Numero sei

Utilizzare i processi decisionali autocratici.


Gli insegnanti si aspettano di avere un input significativo nelle decisioni che influenzano il programma educativo e le operazioni scolastiche. Come professionisti altamente istruiti, dovrebbero essere incoraggiati a partecipare al processo decisionale - per offrire le loro idee, intuizioni e prospettive. Disordinato e dispendioso in termini di tempo, come qualsiasi processo di collaborazione sarà, di solito si tradurrà in risultati migliori. Sì, ci sarà contesa. Ci sarà uno scontro di idee. Il dibattito sarà vigoroso. Ma la conseguenza sarà una scuola migliore e meglio gestita, con una facoltà più impegnata, leale, energica e impegnata.

Numero sette

Numero sette

Garantire che l'occupazione degli insegnanti sia insicura.


In molte scuole indipendenti, gli insegnanti hanno contratti annuali o, nella migliore delle ipotesi, contratti di due o tre anni. È raro che gli insegnanti delle scuole indipendenti abbiano un mandato nello stesso modo dei loro omologhi nelle scuole pubbliche. Inoltre, la maggior parte degli insegnanti indipendenti non è sindacalizzata e non ha la protezione dal licenziamento fornita dai sindacati. Una conseguenza è che l'occupazione degli insegnanti indipendenti tende ad essere relativamente insicura. È fondamentale che sentano che i loro amministratori li proteggeranno e che un genitore aggressivo e ingiustamente antagonista non sarà in grado di ottenere il licenziamento. Nulla è più distruttivo per il morale degli insegnanti di quanto sentano di dover aderire ad ogni richiesta dei genitori, non importa quanto inappropriata, per mantenere la loro sicurezza sul lavoro.

Sia considerando il positivo o il negativo, è chiaro che garantire buone condizioni di insegnamento e un sostegno adeguato è di gran lunga il modo più efficace per mantenere alta la motivazione e il morale degli insegnanti.

Commenti

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

[et_bloom_inline optin_id = "optin_2 ″]

Copyright © 2019 SchoolAdvice Inc. Realizzato dai nostri partner, Sparrow Digital Inc.

Viale Vittoria 376 n. 200
Westmount, QC Canada, H3Z 1C3

  • [email protected]
  • 438.300.6190 | 866.300.9181
  • WhatsApp | Telegramma +1.514.970.8682
Informativa sulla Privacy
Informativa sui Cookie
Termini e condizioni
Badge di hosting verde